Page 136

RIVISTA DI POESIA E CRITICA LETTERARIA “EUTERPE” APERIODICO TEMATICO DI LETTERATURA ONLINE NATO NEL 2011 ISSN: 2280-8108 N°33 * LUGLIO 2021 * – WWW.ASSOCIAZIONEEUTERPE.COM

L’autore è stato accettato nella cultura dei Nativi, avendo partecipato (assistito, perché la partecipazione, per così dire attiva, è possibile solo per i facenti parte della tribù) e in via di questo riconoscimento ha visto il suo nome mutato in “Iniumahkà”, ossia Bisonte che corre. Il volume Vicini alla Creazione (Idea Libri, 2020), quinta opera dell’autore sui Nativi Americani, parte da parecchio indietro, ossia dagli Egizi, in quello che le terre dei Faraoni consideravano Sep Tepi, il Primo Tempo, l’età d’oro in cui la stirpe degli dei (netjeru) posavano i loro divini piedi sull’antica terra di Kem. Ma sembra non sia andata proprio così. Il volume, sempre con agile scrittura, si propone con interrogazioni pertinenti quanto approfondite attraverso studiosi di fama mondiale e popolazioni arcaiche, di esprimere dubbi, ad esempio, sulle fattezze della Grande Sfinge, passando per la dislocazione delle tre piramidi, indicando quella di Micerino come leggermente fuori asse rispetto alle altre due, andrebbe a ricondurci alle tre stelle della cintura di Orione, ma anche al sistema siriano. Dunque apparentemente lontane, ma così vicine, a significare (e insegnare) che anche il rapporto che non vediamo, può essere simbiotico più di quanto pensiamo. L’autore s’interroga nientemeno che su Atlantide, il mitico continente perduto. Come continente, non era una città? Anche qui, minuziosa ricostruzione con tanto di simboli, in cui sarebbe Mu, un altro continente scomparso mentre Atlantide cominciava a svilupparsi. Sembra ci sia un manoscritto, il cosiddetto manoscritto di Troano (cui fa riferimento Platone nel Timeo), peraltro conservato al British Museum di Londra in cui si fa risalire l’alluvione di Mu a dodicimila cinquecento anni prima che portarono alla distruzione di tale continente e, considerato che la sommersione di Atlantide sembri risalire a undicimila anni prima, i due continenti non possono essere lo stesso. Il volume dedica capitoli agli animali, alle piante e alle pietre, ognuno dei quali è strettamente collegato con l’essere umano, anche attraverso molte leggende che evidenziano quanto l’uomo si senta troppo spesso in dovere di trasgredire. Una su tutte parla di quando la Terra era ancora bambina, e il regno animale, quello vegetale e quello umano vivevano in perfetta armonia. Poi, l’uomo, uccidendo più animali di quanto pattuito, minò tale equilibrio, fino a che i rappresentanti del regno animale, riuniti in consiglio, decisero di recare all’uomo le malattie. In un secondo momento, ben capendo che tutti siamo fratelli e possiamo sbagliare, le rappresentanti del regno vegetale aiutarono l’uomo a debellare tali malattie, consegnando loro tutte le cure necessarie attraverso se stesse. Il volume termina con quanto si più definire un duplice dialogo: quello tra i Nativi Americani e i Popoli delle Stelle, ossia come i Nativi chiamano gli extraterrestri; e quello tra i Nativi e il futuro, cioè l’uomo considerato moderno. A conti fatti poco importa chi sia il vero moderno o il più profondo. Non è affatto una gara, ma una condivisione di ciò che era, un equilibrio armonico, con quello che può, e deve, tornare a essere, ossia un mondo dove non orientare mai il proprio giudizio. Ben avendo in mente, sottolinea più volte l’autore, il principio degli stessi Nativi: Mitakuye Oyasin, tutto è correlato. 136

Profile for rivistaeuterpe

Euterpe n°33 - "Amori impossibili tra arte, storia, mito e letteratura"  

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded