Page 82

RIVISTA DI POESIA E CRITICA LETTERARIA “EUTERPE” APERIODICO TEMATICO DI LETTERATURA ONLINE NATO NEL 2011 ISSN: 2280-8108 N°33 * LUGLIO 2021 * – WWW.ASSOCIAZIONEEUTERPE.COM

Un viaggio chiamato amore di LORETTA FUSCO109 "...Forse Dino fu l'uomo che più amai..." "...Tutta la sera m'è ondeggiata alla memoria, l'immagine di lui, della sua pazzia, e di quel altipiano deserto, in quelle prime poche notti estive del nostro amore che son rimaste le più pervase d'infinito ch'io abbia vissuto..." (SIBILLA ALERAMO, Diario di una donna)

Non si saprà mai se quello tra Dino Campana e Sibilla Aleramo fosse vero amore o la spinta di una forza autodistruttrice che li legò per due brevi, intensissimi anni, fino a quando Campana, preda della malattia mentale, venne definitivamente internato in manicomio dove concluse giorni e tormenti. Su questa breve ma tempestosa relazione si è molto discettato e altrettanto fiorito ma nessuno è riuscito a cogliere fino in fondo gli impulsi passionali che spinsero i due amanti a folli carteggi amorosi dove desiderio e respingimento diventarono un gioco al massacro tanto più sottile e crudele quanto più lusinghe, botte e insulti si alternavano in un crescendo continuo fino al successivo incontro scontro. Nel progressivo inesorabile peggioramento della malattia di Dino, una forma di pazzia dovuta alla contrazione della sifilide per i suoi tanti contatti mercenari, contribuì senz’altro il bisogno di protagonismo assoluto di Sibilla, donna bellissima, eccessiva, che si servì della sua seduzione come arma di riscatto nei confronti di una società ipocrita e beghina sullo sfondo di un inizio Novecento caratterizzato dai nascenti fermenti sociali che di lì a breve sarebbero sfociati nella Grande Guerra. Lei, fiera e altera, con un insopprimible desiderio di uscire dai confini di un ambiente gretto e meschino, reagì a una violenza subita a soli quindici anni ribellandosi a regole e convenzioni che la vollero sposa dell’uomo che aveva abusato di lei. Esordì nel 1906 con il romanzo autobiografico Una donna che la consacrò come scrittrice, ma definirlo romanzo è riduttivo in quanto apparì sin da subito un accorato appello, il manifesto di un femminismo ancora in germe della quale lei fu antesignana diventando un punto di riferimento nella lotta per l’emancipazione femminile. Per cercare di capire almeno in parte le motivazioni di questo incontro, per tanti aspetti devastante, occorre fare riferimento al periodo storico e letterario in cui i due vissero e consumarono la loro storia d’amore. Entrambi provenienti da ambienti provinciali, dotati di LORETTA FUSCO (Basilea, Svizzera, 1950) vive a Pradamano (UD) da quasi quaranta anni. Già docente presso un Istituto Professionale di Udine, è sempre stata attratta dalla scrittura e in particolare dalla poesia. Ha pubblicato le sillogi poetiche Anime Intrecciate (2014), Un’altra luce (2017), L’Altrove Atteso (2019) e il romanzo Teresa e Blanca (2018). Molto attiva su Internet, l’apertura di diversi blog di carattere letterario, l’appartenenza a più gruppi culturali online unita alla collaborazione con alcune riviste, le hanno permesso di farsi conoscere e apprezzare. 109

82

Profile for rivistaeuterpe

Euterpe n°33 - "Amori impossibili tra arte, storia, mito e letteratura"  

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded